Finanziamento del terrorismo con l’uso di Crypto – Le autorità francesi arrestano 26 sospetti

Martedì 29 settembre 2020, la polizia francese ha arrestato 29 sospetti durante un’operazione di sting. Gli arresti sono stati effettuati in relazione a una rete che è stata coinvolta nel finanziamento del terrorismo in Siria. L’uso di „coupon criptati“ è stato il principale facilitatore della rete nel movimento di denaro.

L’uso di Crypto per finanziare il terrorismo

Secondo i pubblici ministeri francesi, i sospetti hanno acquistato coupon crittografici, le cui referenze sono state consegnate a jihadisti che operano in Siria. Questi coupon sono stati poi accreditati sui conti Bitcoin dei jihadisti. Una dichiarazione dell’ufficio del procuratore ha dichiarato che la rete è operativa dal 2019. Negli ultimi due anni, l’acquisto di Bitcoin Profit presso France Tabacs (tabaccherie locali) è diventato più popolare sotto forma di „buoni“.

Come molti altri minimarket, i Tabacs forniscono soluzioni finanziarie veloci come carte di debito prepagate, buoni per cellulari e buoni BTC che possono essere riscattati nei portafogli elettronici. Molti investitori si sono inizialmente accalcati ai buoni Bitcoin quando volevano investire in Bitcoin, ma non si fidavano degli scambi online. Ai Tabac, i buoni BTC sono di solito disponibili con incrementi di 50, 100 e 250 euro.

Un nuovo metodo di finanziamento del terrorismo

L’uso di crypto ha fornito ai jihadisti numerosi livelli di anonimato. Il complotto per usare la crittografia per il finanziamento del terrorismo è stato scoperto per la prima volta da un team chiamato Tracfin che lavora sotto il Ministero dell’Economia francese. Tracfin traccia la frode fiscale, il finanziamento del terrorismo e il riciclaggio di denaro sporco.

Il principale metodo di finanziamento del terrorismo dal 2013 è stato facilitato con l’invio di denaro contante alle persone nelle nazioni vicine alla Siria. Tuttavia, questo sistema è stato sottoposto a una maggiore sorveglianza da parte delle autorità a livello globale. Con l’aumento della sorveglianza, i terroristi hanno iniziato a utilizzare sistemi più complessi e meno visibili.

L’indagine sulla rete di finanziamento del terrorismo in Francia è stata aperta a gennaio, quando Tracfin ha individuato una complessa rete di finanziamenti utilizzati dai terroristi francesi in Siria. I terroristi avrebbero comprato dei coupon criptati in Francia e poi avrebbero inviato i dettagli usando la messaggistica sicura ai jihadisti in Siria. Questi coupon valgono da 10 a 15 euro ciascuno. Erano i coupon che i terroristi convertivano in crypto e vendevano in contanti.

Secondo l’ufficio del procuratore, centinaia di migliaia di euro avrebbero potuto essere inviati attraverso la rete. Questi fondi sono stati utilizzati per finanziare le attività di al-Qaeda, i cui membri si nascondono ancora nel nord-ovest della Siria. Altri che avrebbero potuto ricevere i fondi sono membri dello Stato islamico, che è in fuga da quando al-Baghdadi è stato ucciso quando le forze speciali statunitensi hanno fatto irruzione in casa sua nell’ottobre 2019.

Nella dichiarazione dell’ufficio del pubblico ministero si afferma che Walid F, 25 anni, e Mesut S, 25 anni, che erano jihadisti francesi, si credeva fossero dietro la rete. Sono sospettati di operare al di fuori della Siria nordoccidentale. I due sono sospettati di essere membri di Hayat Tahrir Al-Sham, un affiliato di Al-Qaeda. Nel 2016, i due sono stati condannati a 10 anni di prigione in contumacia, e per loro esiste un mandato di arresto per interessi.

Come sono stati catturati i 29

La polizia francese ha catturato i 29 sospetti, di età compresa tra i 22 e i 66 anni, dopo aver acquistato in più occasioni negli ultimi mesi, da varie località francesi, buoni sconto del valore di 10-150 euro ciascuno. I coupon sono venduti al pubblico attraverso i tabacchi autorizzati Tabacs. In Francia ci sono circa 24.000 tabacchi. In questi Tabacs, ci sono anche piccoli servizi di pagamento che includono ricariche di contanti e buoni sconto, che non richiedono ai compratori di fornire alcun documento d’identità.

L’uso del cripto per il finanziamento del terrorismo è una questione in corso nel mondo del cripto. Tuttavia, le autorità sono migliorate nel rintracciare queste transazioni fino alle loro fonti, come dimostrano i recenti arresti. Ciò contribuirà ad eliminare l’idea che il cripto è un paradiso per le attività illegali.